Category Archives: seminario

Come valutare le idee imprenditoriali innovative

Quante volte ti sei chiesto come valutare le idee imprenditoriali? Molti di noi “creativi” hanno veramente molte idee ….. anche 2 o 3 al giorno! poi ce le dimentichiamo subito, a meno che, come mi disse una volta un amico, non te le appunti su un diario.

Ma di tutte queste idee quali sono quelle potenzialmente buone da sviluppare? Tutte o nessuna non possiamo saperlo “a priori”. Quello che conta sono le “prove” …. proprio come in un processo!

Inoltre, nel progredire di questa società post-industriale, in cui gli scenari sono instabili, e’ sempre piu’ difficile valutare le idee proprie, figuriamoci quelle degli altri!

Proprio per questo da alcuni anni ho iniziato ad utilizzare dei metodi che possano limitare il rischio. Limitare non significa eliminare e sopratutto per limitare molto bisogna avere molta esperienza e aver sbagliato molte volte (cosa che mi e’ certamente capitata negli ultimi anni).

Il processo di innovazione diventa sempre piu’ management. L’idea imprenditoriale viene “validata” attraverso l’errore e sopratutto la raccolta del feedback sull’errore in un processo veloce che permette di limitare l’investimento sia in termini economici sia di tempo.

Quindi, in questo post, piu’ che di “Valutazione” vorrei parlare di “Validazione” e di come il metodo Lean Startup inventato da Eric Ries può aiutarci a costruire le “prove” che la nostra idea imprenditoriale ha potenzialmente un futuro roseo.

 

Come valutare le idee imprenditoriali

Prima di tutto cosa significa “validare” un’idea imprenditoriale?

Nell’approccio tradizionale si da molto valore all’idea, alla sua riservatezza (richiesta NDA) e alla facoltà di investimento dell’imprenditore.

Nell’approccio Lean si da valore al problema da risolvere, al cliente, al feedback, alla flessibilità dell’imprenditore ad imparare.

La validazione iniziale con il metodo Lean consiste quindi nell’individuare un cliente (early adopter) disposto a pagare per la risoluzione di un problema. Una volta validato il problema/cliente, si passa a costruire la soluzione (MVP – prodotto minimo funzionante) trasformando i problemi validati in benefici. A fine workshop avremo trovato una o piu’ categorie di clienti che sono disposti a pagarci perché attraverso il nostro MVP siamo in grado di risolvere un loro problema.

Minimum Viable Product

Il processo di sperimentazione si svolge attraverso il Workshop Lean Startup , fra gli strumenti piu’ utili c’e’ sicuramente la Javelin Board.

Provate, sperimentate, sbagliate!

A seguito del processo di validazione dell’idea imprenditoriale e’ possibile stabilire quali sono i progetti da trasformare in prodotti e quelli da abbandonare.

IMPORTANTE: fino a questo punto puo’ arrivarci chiunque, non c’e’ bisogno di programmatori e/o figure tecniche specifiche.

Possiamo organizzare e svolgere il workshop Lean Startup per aziende, coworking, istituzioni, incubatori.

Richiedi la nostra presentazione scrivendo a curealte @ gmail .com (attenzione agli spazi)!

* The Lean Startup is a trademark and service mark owned by Eric Ries.

Innovazione nel retail: casi reali di tecnologie e idee oltre la crisi, Pisa, Talent Garden [SEMINARIO – 8 NOV 2013]

I punti di contatto fra il mondo reale e il mondo online aumentano in modo esponenziale. I clienti e le aziende hanno delle nuove opportunità ma anche delle nuove minacce da fronteggiare.

Il seminario, attraverso gli interventi di esperti di piccole e medie imprese che innovano per il settore retail, parlerà di casi pratici e benefici reali per le aziende e i consumatori.

In particolare gli argomenti che verranno affrontati sono la comunicazione non convenzionale (come portare i clienti da online sul punto vendita offline e viceversa), le tecnologie disponibili per i punti vendita fisici che migliorano la customer experience. Si parlerà di come un gruppo di imprenditori fiorentini sta creando una nuove impresa innovativa (startup) sul tema della reputazione online fino ad ascoltare il racconto di una storia di successo da parte di un imprenditore toscano che a partire dall’esperienza sviluppata sul proprio punto vendita tradizionale ha lanciato una piattaforma di ecommerce che vende in tutto il mondo.

 

A chi si rivolge l’evento? A imprenditori e manager che operano nel settore retail. Ai professionisti che vogliono aggiornarsi e confrontarsi con le aziende di settore.

Programma e Relatori

Ecco i dettagli del programma della serata:

  • ore 18.00 Apertura sala e accredito partecipanti
  • ore 18.30 Apertura Lavori – Francesco Corsentino, Talent Garden Pisa
  • ore 18.40 “Il corriere di recensioni affidabili” Ivano Greco, Hoobla
  • ore 18.50 “Il marketing non convenzionale nel Retail: store action, branded content, promo-animazioni e crossmedialità” Maurizio Murciato, Piano B
  • ore 19.15 “Analisi dei flussi dei consumatori. Come il negozio fisico diventa virtuale” Arcangelo D’Onofrio, Temera
  • ore 19.40 “Dr. Vranjes Firenze, la storia di un Naso, tra innovazione e tradizione” Tommaso Ausilio, Alias
  • ore 20.05 Tavola Rotonda con Claudia Martino, Gucci e-Commerce Marketing Manager e la partecipazione di Grazia Simone, Adiconsum Toscana Segretario Generale
  • ore 20.45 Aperitivo & Networking

Dopo gli interventi programmati la serata continua con gli Speed Pitching (in 1 minuto ti presenti ad un partecipante, in 1 minuto ascolti lui , vi scambiate i biglietti da visita e poi cambi interlocutore). In piedi con un piattino di cibo e un bicchiere di vino in mano sarà possibile sviluppare l’evento di networking per conoscersi, scambiarsi esperienze e creare nuove opportunità di business!

E allora che aspettate? L’ingresso è gratuito previa registrazione online.